Cucine

Come definirla altrimenti? Forse potremmo chiamarla: l’era della personalizzazione a 360 gradi. L’era della realizzazione dei propri desideri? Forse penserete che sto esagerando, quindi mi sembra giusto linkarvi il video di questa ditta all’avanguardia, la creatrice di questo tipo di cucine su misura.

Cosa ve ne pare? Avete visto con quanta velocità e facilità si può cambiare aspetto alla propria cucina, e, di conseguenza, alla propria zona giorno? Per vivere ogni momento in modo diverso, alternativo, piccante! Il muro nero completa la perfezione di questa idea grazie ad appositi stickers che potenziano l’aspetto moderno della cucina.

Per quanto riguarda l’assetto della cucina, entra in gioco la nostra designer Catia: avrete l’occasione di discutere insieme il vostro progetto esclusivo e creare la vostra cucina come fosse un progetto di design normale. E qui vale la nostra regola aurea…mix&match con altri tipi di cucine o stili o…quello che vi passa per la mente!

Chiamateci per avere il vostro progetto esclusivo…

Oggi partiamo in bomba: iniziamo articolo e settimana in un modo molto particolare…vi avevamo anticipato la scorsa settimana che ci sarebbero state succulente nuove in ambito di cucine, ed ora possiamo svelarvi quello di cui stavamo parlando!Cucina su misura

Chi di voi non ha mai sognato di avere una cucina che cambiasse il proprio aspetto a seconda del vostro umore? Del vostro gusto? Delle vostre esigenze? Ovviamente questo non è mai stato possibile, e a ragione: la cucina montata non permette molti cambiamenti, non quei cambiamenti immediati che vorremmo di pari passo al nostro mutevole gusto personale. Oggi è possibile cambiare l’aspetto della vostra cucina in poche semplici mosse…guardate l’immagine alla vostra destra. Niente di stravagante (lasciate perdere per un momento il fondo nero, gli stick applicati e il tappeto d’erba finta). Una cucina con basi decorate come fossero scansie di libreria.

Ma la decorazione che vedete non rappresenta l’aspetto reale, effettivo, delle ante della cucina, bensì costituisce una sorta di involucro esterno che si attacca (e quindi si stacca) e permette la sua sostituzione con altri pannelli decorati! Come? Grazie alle cover! Si, cover, avete letto bene. Come quelle del telefonino! Queste cover si riassumono in 9 collezione con ben 74 varianti di colore a tinte uniche, grafiche, fotografiche o testure!

Una vera e propria innovazione nell’ambito delle cucine…che vi spiegheremo domani…

 

Signore e signori, oggi iniziamo la settimana in ritardo rispetto al reale incedere settembrino…ci scusiamo e passiamo immediatamente a motivare la nostra assenza!

I lavori all’interno del nostro mobilificio proseguono di pari passo ai propositi dei nostri designers per rendere lo spazio dedicato ai mobili più appetibile, interessante e accattivante che mai! Vi chiediamo dunque un briciolo di pazienza: ogni pausa che interponiamo tra voi e le novità autunnali è una pausa costruttiva (letteralmente!)…i cataloghi nuovi sono in arrivo e vi ricordo che il nostro spazio dedicato allo shop on line non conosce pause, ma solo offerte per voi e per la vostra casa!

Sappiamo anche che il mese di settembre è un mese molto particolare! E’ il momento in cui il mondo torna pigramente a girare dopo le vacanze estive e l’assetto familiare riacquista pian piano la sua abituale routine…i figli tornano a scuola e i genitori al lavoro, e la casa resta, dopo le spese estive e quelle immediatamente successive, al terzo ed ultimo posto!

In fondo va bene così, dice la moglie, per il divano nuovo vediamo poi. Jet-leg-sociale

Mah, al massimo cerchiamo un’offerta, replica il marito.

Noi vi offriamo la terza voce in capitolo: perchè non date un’occhiata alle nostre offertissime? Non solo quelle in e bay, ma e soprattutto quelle che custiodiamo gelosamente nel cuore del nostro mobilificio. Divani, poltrone, tappeti, angoli cucine, letti…e molto altro ancora. Abbiamo tutto un mondo di offerte che aspettano di dare bella mostra di sè durante il periodo che dedicheremo al mercatino delle pulci…e che potete vedere in anteprima!

Non aspettate altro tempo. La vostra casa deve tornare a girare insieme a voi nel vostro tran tran quotidiano…

Oggi ricominciamo a raccontarvi le scelte di design che i nostri clienti hanno fatto, con il nostro aiuto, per le loro case. Nelle settimane scorse ci siamo dedicati a due coppie e ai loro spazi di stile…ci sembra giusto parlarvi questa volta di un maschietto che ci ha chiamato per arredare la sua casa da single…un bellissimo bilocale che vi mostriamo nei minimi dettagli.

Iniziamo dicendovi che la linea mascolina di questo appartamento moderno, chic e discreto, si ritrova nel colore dominante, il grigio, spezzato da qualche particolare colorato: il ponte nel colore, in questo caso il rosso, si ritrova nei cuscini, in un quadro molto particolare e nelle sedie scelte per il tavolo tra la cucina e la zona salotto. Essendo l’appartamento di un single, abbiamo scelto linee e contenimenti strategici: un bagno minimal, seppur moderno, e un armadio accessoriato che funge da porta lavatrice, scarpiera e porta scope nello spazio antistante la toilette. In camera un bellissimo letto imbottito in pelle bianca rischiara una stanza dall’eleganza contenuta.photo1(1)

photo2(1)Nella zona giorno Enrico ha optato per una cucina con una parte bassa in laminato grigio ed una superiore color argilla, ovvero una declinazione del grigio maggiormente carica di tono. Il divano bordato consente un doppio utilizzo (divano e mensola, un ulteriore brillante risparmio di spazio) e la stoffa floreale dona un pizzico di movimento ad una serie di mobili monocromatici.

La televisione moderna viene contornata splendidamente dalla parete attrezzata con pochi, ma specifici elementi in pendant al resto dell’area giorno. Perfetto l’uso degli accessori in tinta: il quadro, il centro tavola e il bordo dei cuscini del divano…illuminati da uno stilosissimo lampadario!

Nei prossimi giorni vi sveleremo il segreto dell’arredamento di Enrico…continuate a seguirci!

Iniziamo la settimana entrando nella casa di un’altra coppia di clienti Barucco: Barbara e Roberto ci mostrano oggi il risultato dei nostri lavori all’interno del loro soggiorno e della loro cucina, di cui disponiamo diverse immagini (grazie al nostro tuttofare Luca, che ringraziamo!) comprese quelle del pre lavoro di restyling by Barucco. Per essere sicuri di dedicare il tempo necessario alla descrizione di tali ambienti, divideremo il racconto delle esigenze e dei lavori effettuati in casa di Barbara e Roberto in due post.

20140626_144543Iniziamo quindi dai problemi logistici che la coppia riscontrava nel loro ambiente cucina: la stanza presentava un ingombrante tubo d’aspirazione della cappa, che necessitava una modifica pena l’invasione sul piano di lavoro sottostante. La scelta della cappa doveva essere a favore di un elemento che, al contrario di prolungarsi in verticale, si espandesse nel senso dello spessore…la cappa scelta, spessa oltre 30 centimetri, viene lavorata con una base di cartongesso (o meglio, una sorta di imbragatura esterna) che la fissa in alto e permette di mantenere libera la sagoma del bancone. L’avete riconosciuta nell’immagine a destra? Sembra una parte integrante del soffitto, quasi una fascia di luci, invece si tratta proprio di 20140711_113442una cappa…

Le immagini mostrano abbastanza facilmente il progresso dei lavori intercorsi tra le due situazioni, il cui segreto sembra essere il cartongesso: imprescindibile dalla costruzione su misura di una cappa che ponesse letteralmente il piano cottura al centro dell’attenzione!

Inoltre la cucina scelta rispetta le proporzioni pre esistenti (muri, angoli…) e la nuance effetto legno bruciato e laccatura tortora completa un quadro docile e ben strutturato, in linea con un gusto semplice, sobrio ed elegante. Il salotto, che vedremo nel dettaglio domani, prosegue lo stile curato e smorzato della cucina e delle sue tinte chiare.

 

Pronti ad entrare nelle case dei nostri clienti migliori? Di quelli che, per capirci, si sono spinti verso scelte particolari e, se non sempre esclusive, di raro e sicuro impatto visivo. Iniziamo dunque dalla loro cucina: Roberta e Vilmer hanno aperto le porte della loro stilosissima casa per mostrarci (e mostrarvi) il risultato della loro particolare scelta d’arredo…

Come mai siamo qui? Perché la nostra coppia ha prediletto una cucina creata in un materiale nuovo per questo tipo di prodotto, ovvero il laminam. Trattasi di un gres porcellanato formato dall’unione di polvere di granito e quarzo cotte ad altissime temperature: il materiale risultante, declinato nell’oxide bianco, nel caso della loro cucina, è resistentissimo e al 100% naturale.

photo3Tecnicamente, il laminam sarebbe persino calpestabile! Ma la scelta di verticalizzarlo e usarlo come base portante di una cucina lo rende parte integrante di una scelta di stile all’avanguardia: una sorta di esperimento che apre la strada ad altri tipi di cucine create con il medesimo materiale, che sta per essere appunto trasformato dal design d’arredo odierno.

Il disegno della loro cucina si compone con un angolo photo1cottura decentrato rispetto al cuore della cucina, ma centrale alla stanza. In questo modo la zona colonne è completamente in nicchia e la parte più voluminosa nascosta: tale scelta, che privilegia l’aspetto estetico, permette di goderne solo la bellezza dei frontali, come potete notare dall’immagine alla vostra destra. Lo spazio che si crea spontaneamente dalla parte opposta permette la collocazione di un tavolo con le classiche quattro sedie…

photo2Tutt’intorno, si trovano le altre cinque colonne attrezzate: colonna frigo, colonna forno (di cui vedete una porzione nella prima immagine in alto a sinistra) e tre colonne attrezzate con cesti estraibili. Insomma, una cucina di tutto rispetto, creata ad arte per gli spazi di Roberta e Vilmer.

Ma la cucina in laminam non è l’unica chicca che abbiamo trovato in casa…

Mentre la settimana volge stancamente al suo termine, noi iniziamo un nuovo argomento! Sempre e comunque controcorrente…per stupirvi meglio e creare un po’ di suspance…che non guasta mai!

Vi avevamo scritto che ci sarebbero state nuove cose in arrivo, tra le quali alcune rassegne stampa delle riviste più cool (sia in fatto di arredamento che nel trend generale) e dei veri e proprio servizi fotografici dedicati alle composizioni di design made by Barucco: nell’intento di mostrare il dopo, e non solo il mobile patinato da copertina o da stand costruito ad hoc, perfetto nella sua premeditata freddezza, dedichiamo i prossimi giorni ai mobili scelti da voi clienti! Grazie a voi che ci avete affidato i vostri spazi, a voi che ci avete dato carta bianca, a voi che ci avete permesso di realizzare i vostri sogni.

I soggetti? Diversi. Svariati. Purchè unici e vissuti. Disegnati e montati da noi, scelti da voi, vissuti attraverso il tempo e le esperienze…questo nuovo argomento di blog ci aiuta non solo a mostrare il mobile nel suo reale status quo, ma e soprattutto a dimostrare che le scelte forti che predichiamo da quasi un anno (stili moderni, contrasti cromatici, scelte eccentriche e, possibilmente, inimitabili) possono esistere ed integrarsi perfettamente al vostro vissuto quotidiano…determinati prodotti non sono creati per stupire alla tal fiera o alla tal’altra esposizione, ma servono per farci godere della loro presenza nella nostra casa.

photo1E prima di dedicarci alle case dei nostri clienti, ve ne diamo una dimostrazione estemporanea: questa è casa mia. La cucina, così com è in questo momento (abbiate pietà della pila di piatti da asciugare e del tavolo pieno di borse…sono corsa a scrivere l’articolo prima di pulire!!!), con il suo tavolo enorme, con il suo frigo a pannelli decorati (in pendant con il piano cottura) e con il suo color melanzana. Che ne dite? Sta meglio su una rivista, o in una casa da vivere?

P.S. il mio lavello si illumina al contatto con l’acqua e la mia cappa, al momento del montaggio, era unica nel suo genere. Sapeste i complimenti che ricevo…:-)

 

Adesso che vi abbiamo mostrato un nuovo modo (un pò più old style, un pò più master chef, a seconda dei vostri modi di interpretare, vivere e completare la cucina) di arredare una delle parti principali della casa, vi solletichiamo con un’offerta davvero imperdibile! Se le cucine SMEG sono a prezzo pieno, rigorosamente da catalogo, la cucina che vi proponiamo è scontata al 30%…

photo1photo2Partiamo dalla descrizione: come potete vedere dall’immagine a lato, lo stile si avvicina molto a quello che vi abbiamo descritto nello scorso articolo; nel dettaglio questa cucina è composta da ghisa e acciaio, dotata di sei fuochi e spartifiamma in ghisa con una parte zigrinata funzione bistecchiera. L’esterno è laccato in bordeaux borgogna con particolari in cromo e ottone e con la cappa coordinata.

 

Ideale per contesti moderni, per chi vuole accentrare l’attenzione sul piano cottura, sebbene trovi il suo angolo d’elezione nei contesti country perchè questo eccentrico pezzo è da libera installazione, ovvero non è necessario incassarla a parti pre esistenti di cucina…per questo gli amanti dell’industrial style (che sia vintage o modernizzato) potrebbero ben immaginarla in un loft come unico elemento costituente della cucina, accompagnato a un tavolo in legno e a sedie spaiate sullo sfondo di un bellissimo muro non lavorato.

La meraviglia e l’originalità di una cucina simile sono difficilmente descrivibile con le parole, per questo noi ve ne forniamo una descrizione tecnica e stilistica, se così possiamo definirla. Lo sconto del 30% dovrebbe essere l’incentivo adatto a farvi alzare il telefono per prendere un appuntamento: la cucina dei vostri sogni di aspetta qui da noi!

 

Eccoci tornati (fortunatamente illesi!) dal trambusto del rinnovo dei locali…i faldoni e le varie scartoffie da ufficio non sono ritornate perfettamente in ordine, ma a noi poco importa: ricominciamo a parlare di mobili e di occasioni, meglio se in grado di unire il nuovo del nostro mobilificio al vintage che sta nascendo…

cucine smegCome fare? Prendendo di mira la SMEG, marchio professionista e leader nella vendita di piccoli e grandi elettrodomestici, e stillandone l’innovazione a immagine e somiglianza di cucine old style. La SMEG ha infatti prodotto una linea di elettrodomestici ispirata alle linee paffute e ai colori pop degli anni ’50, ma questa è un’altra storia (che vi narreremo sul sito dedicato al vintage)…oggi vogliamo dedicarci, come vi abbiamo appena scritto, alle cucine by SMEG: ispirandosi alle cucine dei grandi chef, SMEG propone veri e propri oggetti di design in cui lo stile e l’innata eleganza della ditta e dei suoi prodotti si accompagna a prestazioni impeccabili, semplicità d’uso e bassi consumi. La particolare linea della cucina ricorda le stufe che rappresentavano il fulcro di taverne e tavernette di una volta, ricche di fascino e storia, armate della potenza del prodotto elettrico contemporaneo. 

La cucina è composta da un piano cottura con 7 bruciatori a gas, di cui 1 Ultrarapido, un forno principale superiore con opzione di programmazione di inizio e fine cottura (con allarme acustico), display/orologio elettronico a 5 tasti e un forno secondario inferiore elettrico multifunzione (ben 7, tra cui la funzione di pulizia Vapor Clean) termoventilato.

Dai modelli da 150 cm con doppio forno sino a quelli da 60 cm per l’inserimento in spazi ridotti, le cucine SMEG possono inserirsi con successo in differenti stili di arredamento. Proposto in acciaio inox e vetro, in versione colorata o bianca, questo prodotto si differenzia anche per le tipologie di piani e di forni.

 

Buon inizio di settimana a tutti! Per la prima volta dall’inaugurazione del nostro blog dedichiamo questo articolo a coloro che scelgono di comprare in negozio invece che on line

Gli altri non si sentano abbandonati! Da domani torniamo infatti a parlare di offerte, di ebay e soprattutto dell’apertura del nuovo sito di vintage, per cui stiamo lavorando con impegno e dedizione.

stipo aperto Procediamo dunque con la segnalazione per i nostri clienti tradizionali: contaminiamo il discorso vintage per parlarvi di un pezzo antico che teniamo in uno stand della nostra esposizione…questo arredo si qualifica come antico per la realizzazione manifatturiera e per il modello pre stipo dettnovecentesco che ne ha ispirato la realizzazione, ovvero gli stipi veneti che si trovavano prevalentemente nelle cascine e che, per via del poco elegante impiego, venivano realizzati con legni non pregiati quali abete e pino…

Il nostro stipo (che sarebbe una dispensa con ripiani) è in legno di abete, ma lungi dall’essere poco elegante o pregiato, è abbellito da decori fatti a mano nella parte frontale e nelle rifiniture laterali. Come dicevamo, questo pezzo antico entra di diritto nel mondo del vintage, essendo un arredo originale prodotto negli anni ’40.

Ora parlo a voi, web addicted, navigatori amanti del passato: se la vostra idea di vintage coincide con il colore, le forme bombate e le fantasie pop optical che hanno trasformato il design novecentesco, seguiteci…